Metabolismo e forma Fisica

Metabolismo e forma Fisica.

Avere un buon metabolismo ci permette di essere in forma. Quando si parla di forma fisica, non si può ignorare la parola METABOLISMO, e cos’è il metabolismo? Non è altro che quel processo chimico che il nostro corpo usa per scomporre e trasformare il cibo, in carburante. Un metabolismo che funziona bene riesce a smontare e trasformare il cibo in energia. Se lo fa in maniera efficiente ok, altrimenti se lo abbiamo rallentato con le cattive abitudini, cibi spazzatura, eccesso di carboidrati e zuccheri semplici, eccesso di calorie, si deve intervenire.

Mettiamo in chiaro una cosa, per bruciare grasso bisogna dare un deficit calorico, questa è anche una legge fondamentale della termodinamica : “in natura nulla si crea e nulla si distrugge ma si solo trasforma”, se diamo molte calorie probabilmente alla lunga ingrasseremo, se diamo un deficit calorico dimagriremo. BRM è il metabolismo basale, cioè il totale delle calorie che noi bruciamo a riposo, e da esso dipendono il 70% delle calorie che una persona normale è capace di bruciare; è ovvio che il mio discorso non funziona se siete un maratoneta o un triatleta professionista, in questo caso il cibo che potrete introdurre sarà anche il doppio di quello del vostro BRM, ma per noi esseri “mortali” questo ragionamento è valido.

Il metabolismo è influenzato da fattori come età, sesso, e genetica; li’ purtroppo non possiamo intervenire, ma fortunatamente con l’attività fisica quella fatta bene che usa i carichi, ( pesi, dischi e bilancieri) oppure l’HIT esercizi ad alta intensità, possiamo aumentare i nostri muscoli e perdere grasso; piu’ muscoli vogliono dire più calorie bruciate a riposo, è proprio nella fase di riposo che si fa la differenza, quella in cui una persona più è muscolosa più brucia calorie. Un altro fattore da tener presente è l’insulina. L’intero processo digestivo dipende dal rilascio e dall’assorbimento dell’insulina e questo dipende moltissimo dal tipo di carboidrati che noi usiamo, è vero che l’insulina si può stimolare anche con i grassi e le proteine ma sono i carboidrati i responsabili principali delle sue variazioni, troppi carboidrati sbagliati, farina bianca cibi lavorati, uguale a picco di insulina, spesso equivale a mettere grasso.

Cosa dobbiamo fare:

aumentare la sensibilità insulinica, e farlo in maniera funzionale.

Come si fa: iniziamo a ridurre o eliminare i carboidrati ad assorbimento rapido, togliere le farine e gli zuccheri, contemporaneamente incominciamo a reinserire la frutta e la verdura e tutti quei carbo a bassa densità calorica;

Un altro modo è quello di aumentare le ore di sonno, il corpo diventerà più sensibile all’insulina che abbiamo visto è una cosa buona, l’ideale è dormire sette otto ore di sonno buono a notte;

Inserire anche a delle giornate di digiuno intermittente, una volta alla settimana, mangiare presto alla sera verso le 19,30 per poi non toccare alcun cibo fino al giorno dopo fino alle 14,30, sicuramente ci farà bene, ci depurerà e alla lunga migliorerà la nostra sensibilità insulinica.

Un’altra cosa molto importante, per avere un buon metabolismo bisogna prendersi cura del nostro intestino; anche detto il nostro secondo cervello esso svolge funzioni fondamentali per il benessere del nostro corpo. Come si fa? bisogna integrare con degli enzimi digestivi e dei batteri buoni, sono proprio loro che ci aiutano a scomporre il cibo che gli forniamo e a trasformarlo in energia, per non devastarli e ucciderli noi dovremmo non esagerare con i cibi lavorati e gli zuccheri altrimenti prolifereranno i batteri cattivi che non ci aiutano minimamente nella digestione del cibo anche se cibo salutare. Ricapitoliamo a noi occorrono batteri buoni, che chi daranno buona digestione e quindi buon metabolismo. Quindi mangiare frutta broccoli, patate dolci, cibi fermentati, e integrarci ogni tanto con probiotici, ci aiuteranno a sviluppare batteri buoni che aiuteranno a metabolizzare in maniera ottimale il cibo e quindi a non ingrassare. Un ultimo consiglio è quello di scegliere cibi con un grande effetto termogenico. Le carni bianche, il pesce, un po’ tutti i cibi proteici, per essere metabolizzati sottopongono il nostro organismo ad un lavoro che quindi brucia fino al 15% delle calorie apportate dallo stesso cibo.

Ricapitolando, per aumentare il metabolismo a riposo bisogna in primis allenarsi, (pesi, pesi, e ancora pesi), aumentando la massa magra aumenterà il nostro BMR, bisogna mangiare di più, mangiare più carboidrati buoni, frutta verdura cibi integrali, inserire cibi proteici che hanno già di per se un effetto termogenico , mangiare verdure a bassa densità calorica fagiolini, broccoli, finocchi(ottimi perché possiamo mangiarne tanti introducendo allo stesso tempo poche calorie), bere molta acqua, (meglio ancora se fredda anche solo fare questo aumenterà il nostro metabolismo di un 10% almeno per un certo periodo di tempo tipo un ora dopo), aver cura del nostro intestino fornendogli batteri buoni, quindi probiotici e cibi fermentati come Yogurt cetrioli fatti in casa ecc.. Se faremo tutto questo, i nostri allenamenti saranno più proficui, il nostro benessere generale aumenterà, il fisico arriverà di conseguenza, svilupperemo un fisico tonico e muscoloso.

Staff Morphosys Supplement




ATTENZIONE: Le informazioni contenute nell’articolo, hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Product added to wishlist
Product added to compare.

PER OFFRIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE DI PROFILAZIONE, ANCHE DI TERZE PARTI. CHIUDENDO IL BANNER, SCORRENDO LA PAGINA O CLICCANDO QUALUNQUE ELEMENTO ACCONSENTI ALL’UTILIZZO DEI COOKIE. PER SAPERNE DI PIÙ E PER SELEZIONARE LE TUE PREFERENZE CONSULTA LA NOSTRA COOKIE POLICY.